Gita fuori porta e viaggiare con i bambini: muoversi liberamente grazie al babywearing

Gita fuori porta e viaggiare con i bambini: muoversi liberamente grazie al babywearing 

È arrivata la bella stagione e, dopo un inaspettato inizio anno turbolento e problematico, la possibilità di uscire e girare per il mondo - o perlomeno per l’Italia - ci sembra meravigliosa. Ecco che allora ci mettiamo a cercare nuove mete da esplorare, per rilassarsi in riva al mare, svagarsi e divertirsi in una città nuova, vivere un’avventura immersi nella natura o semplicemente per staccare la spina…
E la domanda che ogni famiglia globetrotter si fa è sicuramente questa: cosa metto in valigia per essere pratico? Perchè diciamocelo chiaramente, il passeggino non sempre entra agevolmente nel baule e l’acciottolato non è un problema irrilevante... e l’aperitivo? Non c’è mai spazio tra i tavoli per girare... E gli estranei che si avvicinano per qualche moina? Quante volte avete deviato la loro attenzione dribblando come nella Parigi - Dakar?? E se i figli sono due? Chi guarda il piccolo e chi controlla il grande? Aiuto, che fare? Davvero il binomio famiglia-vacanza è così problematico da farci - spesso - rinunciare?Assolutamente no! C’è un’alternativa! Si può essere genitori viaggiatori, amanti del relax marittimo, del trekking, della passeggiata con gli amici in centro; si possono avere mani libere e attenzioni per il figlio un po’ più grande senza che il piccolo ci scappi via, insomma si può viaggiare senza ansia. Come? Grazie al babywearing!

Il babywearing (che significa letteralmente “indossare il proprio bambino”) è la soluzione a cui arrivano molti genitori che hanno voglia di muoversi agilmente con i propri figli, senza limitazioni. Il babywearing ha origini lontane e permette di spostarsi, migrare, lavorare con il proprio bimbo addosso e, se praticato correttamente, consente di muoversi liberamente, abbattendo tutte le barriere architettoniche, rimanendo in contatto continuo con il piccolo e godendo di altri numerosi vantaggi come le mani libere o la riduzione del pianto del neonato.

Come scegliere il marsupio portabebè per la montagna o il mare?

La scelta del supporto giusto dipende da tantissimi fattori: l’età del bambino, il suo peso, le esigenze della mamma e via dicendo. Visto che i bambini non sono tutti uguali, non esistono soluzioni adatte a tutti, ognuno dovrà trovare il marsupio ergonomico ideale! Indipendentemente dal luogo che sceglierete di visitare però, vi servirà un supporto che unisca il comfort alla praticità. Ecco perchè vi suggeriamo i marsupi ergonomici di Boba.
Veloci, facili da indossare in ogni momento, i modelli Boba 4GS e Boba Air sono stati pensati proprio per agevolare gli spostamenti brevi e i viaggi, perfetti come zaino da montagna o da spiaggia.
Utilizzabile fin dalle prime settimane di vita il marsupio ultraleggero Boba 4GS è dotato di un utilissimo inserto (ovvero di un comodo cuscinetto) che si aggancia tramite bottoni automatici alla parte inferiore del marsupio adattando così lo spazio per i bimbi più piccoli. Come tutti i prodotti Boba anche lo zaino porta bebè Boba 4Gs rispetta la naturale curvatura a “C” della spina dorsale del neonato e permette di portare il bambino in posizione ergonomica sostenendo le sue gambine nella classica posizione ad "M", ovvero da incavo del ginocchio a incavo del ginocchio, che è quella ideale per un corretto sviluppo delle anche. Le imbottiture dense e sagomate del cinturone e degli spallacci favoriscono un'adeguata distribuzione del peso del bambino sul corpo del portatore, aumentando la comodità del genitore anche per utilizzi di diverse ore, dotato di un pratico reggitesta richiudibile e staccabile, permette di sostenere la nuca del bambino quando si addormenta oppure può essere utilizzato per proteggerlo dal sole e dal vento. Intuitivo e facile da utilizzare il Boba carrier si indossa come uno zaino e consente di portare sia cuore a cuore sia sulla schiena.

Compatto e tascabile il marsupio da viaggio Boba Air è la versione ultraleggera del classico marsupio ergonomico Boba, particolarmente indicato anche alle mamme meno esperte di babywearing in quanto facile e veloce da utilizzare. Realizzato in 100% nylon, resistente, impermeabile e facile da pulire, è adatto per portare bambini dai 4/5 mesi circa fino ai 18/24 mesi circa. Essendo leggerissimo e sottile può essere riposto nella tasca integrata del cappuccio quando non viene utilizzato, in modo da occupare poco spazio, una volta richiuso diventa grande come il palmo di una mano e lascia più spazio in valigia per le scarpe di mamma!

Viaggiare con bambini piccoli, la praticità vince sempre!

Se siete alla ricerca di un sostegno più morbido e coccoloso per i piccolissimi potete avvicinarvi alle fasce elastiche o alle fasce rigide. La fascia portabebè elastica per neonato è maneggevole e ottima anche per le mamme che si sono appena avvicinate al mondo del babywearing, ideale per prendere confidenza con le legature, molto avvolgente e morbida al tatto. Essendo taglia unica si adatta a qualsiasi corporatura e, prediligendo una legatura preannodata che vi permetterà di inserire e togliere il bambino senza dover legare da capo ogni volta, diventa il supporto per tutta la famiglia anche durante i lunghi viaggi o i controlli aeroportuali.
La fascia rigida, invece, consente di portare pancia a pancia già dai primi giorni di vita del neonato, sul fianco e sulla schiena nei mesi successivi. In base al tipo di grammatura può essere utilizzata per un periodo di tempo più lungo, senza limiti di età e di peso. Ci teniamo però a sottolineare che la fascia rigida può non essere la scelta perfetta per un viaggio, soprattutto se si viaggia con bimbi toddler, ovvero più grandi, considerate il fatto di dover rifare ogni volta la legatura quando non potranno più stare in una legatura preannodata pancia a pancia o se li portate sulla schiena.

Essere liberi di muoversi senza limiti e barriere è una grande conquista da parte delle mamme, decidere anche all’ultimo minuto dove andare, mettere due cose in valigia, acchiappare il marsupio ultraleggero portabebè e uscire per godersi un viaggio e scoprire una nuova città. Avere le mani libere, il piccolo sul cuore e la situazione sotto controllo in ogni momento vi regalerà una sensazione di benessere istantanea, che sarà sicuramente amplificata dalla meta scelta. Essere una mamma canguro è anche questo, vivere i ritmi del quotidiano senza rinunciare alle esperienze di prima.

Buon portare in vacanza!

Domenica Lunedi Martedì Mercoledì Giovedi Venerdì Sabato Gennaio Febbraio Marzo Aprile Può Giugno luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre
To top